Archivo para la Categoría » Lampadari design «

giovedì, aprile 26th, 2012 | Author:

Lampadario realizzato sul modello del classico candeliere «da serra»: a due piani, su base quadrata. Si chiama Ottaviano, anche perché ha otto lampadine.
Nella pagina, i pezzi in fase di colorazione: Lolli e Memmoli curano di persona ogni fase della lavorazione.

martedì, aprile 24th, 2012 | Author:

In alto, particolare del modello Vladimiro, con cristalli turchesi.

lunedì, aprile 23rd, 2012 | Author:

Qui, l’imponente Cagliostro (diam. 150 cm). Ha dieci bracci a voluta, dorati e perlinati. Cristalli color acquamarina e gocce rosso rubino.

domenica, aprile 22nd, 2012 | Author:

Nella pagina l’intrigante Ugolino: 120×50 cm di cristalli, intessuti a rete per inventarsi un cielo color topazio. Qua e là piovono
gocce, come se il lampadario si stesse distando. La struttura è una fascia in ferro, rettangolare, con cristalli incastonati.

sabato, aprile 21st, 2012 | Author:

Luci d’atmosfera.
PIOGGIA DI GEMME.
I giovani Ivan Lolli e Mario Memmoli fanno gli architetti. Ma da quando hanno realizzato il lampadario per un negozio, si sono ritrovati pieni di commesse. Oggi hanno anche un laboratorio. Dove danno vita a cascate di cristallo.
Bagliori d’ambra e un’atmosfera magica, un po’ orientale. Con il modello Merlino (sopra) Ivan Lolli e Mario Memmoli (qui a sinistra, nel loro laboratorio milanese) danno una interpretazione del lampadario classico, rivestendone di perline la struttura a volute come per farla scomparire. Fili di cristalli scendono a cascata dalle coppe porta-lampadina. Nella pagina accanto, particolare degli ottagoni e delle gocce.

venerdì, aprile 20th, 2012 | Author:

Ha struttura in ferro battuto e paralume in corda di canapaia lampada Luce nei Capelli (h cm 40), di Simone Micheli per Firma’s. Esiste anche in versione da terra, da soffitto, da parete. Profilo sinuoso per Bodona (h cm 68), lampada con diffusore in vetro soffiato opalino, disponibile anche in altri colori; la base è in metallo satinato. Fa da sfondo la Storia Naturale del Regno Animale ài Mercalli (ed. Hoepli).

mercoledì, aprile 18th, 2012 | Author:

In primo piano, ricorda la forma del candeliere a due bracci la lampada Lu-Lu (h cm 60), di Stefano Casciani per 0 Luce; ha base in metallo e diffusore in vetro di Murano. Il diffusore di Prana invece è in seta bianca, che una ventola tende a forma di cono. Di Joseph & Vicario per Kundalini, ha base in resina (4 colori). Dietro c’è Campanelle (h cm 46), di Aldo Cibic perAV Mazzega: struttura in metallo, diffusore in vetro soffiato disponibile in 3 colori. Sul leggìo pieghevole in legno di Pierluigi Ghianda, un-volume di Libreria Malavasi.

domenica, aprile 15th, 2012 | Author:

Da sinistra, litania, lampada-astronave di Alberto Meda e Paolo Rizzato per Luceplan, qui in versione a morsetto: cambia colore cambiando i filtri in policarbonato. È una piccola scultura la Pirellina, di Gio Ponti per FontanaArte; l’anello ne facilita la presa. Un «foglio» di vetro satinato bianco fa da diffusore a Linda T2, di Roberto Pamio per Leucos; ha stelo in metallo. Tam-tam, di Perry King e Santiago Miranda per Sirrah, è in vetro sabbiato-acidato nei colori ambra e bianco. L’Opaflex, un nuovo materiale infrangibile e molto flessibile, è la materia prima di Slangmystica, di Francois Zille per Slamp. Si inclina, gira e ruota la piccola Don Quixote, lampada-poesia con cappello nero, di Ingo Maurer. Da sopra fa capolino un’altra creatura di Maurer, Mozzkito: tutta in acciaio, con cavetti rossi in vista. Infine, Heliopolis, ideata da DMC Villa Tosca e prodotta da De Majo: un concentrato di alta tecnologia basato su un gruppo ottico che utilizza filtri in grado di modificare i colori della luce per effetti cromatici di grande suggestione.

sabato, aprile 14th, 2012 | Author:

Nella pagina in primo piano, Berenice, di Alberto Meda e Paolo Rizzato per Luceplan: braccio articolato, cupolino diffusore in vetro verde (o blu). Dietro c’è Pierrot, di Afra e Tobia Scarpa per Flos, con asta e gambe in lastra composita, base e diffusore in plastica. Mandraki, di Riccardo Blumer per Artemide, è tutta in alluminio anodizzato e lucidato. Base in metallo e visiera in metacrilato, asta a inclinazione fissa per Ipotenusa, di Achilie Castiglioni per Flos.

venerdì, aprile 13th, 2012 | Author:

Qui sotto, di Aldo Cibic per AV Mazzega la lampada Cascata: struttura color titanio, paralume in piastre di vetro lavorato a mano.