Archivo para la Categoría » Decorazioni giardino «

martedì, luglio 30th, 2013 | Author:

Casa con giardino

UNA GRANDE CASA IN TOSCANA, IMMERSA NEL VERDE: IL POSTO IDEALE DOVE DARSI APPUNTAMENTO PER UNA GIORNATA TUTTA DA GODERE, DAL MATTINO FINO A SERA.

Voglia di primavera e di relax : il b el temp o invita a trascorrere piacevoli week-end con gli amici. Cornice ideale, una grande casa con giardino,’ come il palazzo toscano di inizio secolo dove è ambientato il nostro servizio. C’è spazio per tutti: la famiglia, gli ospiti, 1 bambini e gli animali di casa. E tempo per godersi tanti piccoli grandi piaceri: la ricca colazione in camera da letto, l’allegro pranzo nella cucina piena di sole, il goloso tè in salotto, le chiacchiere all’ombra del giardino. E, infine, la cena all’aperto a lume di candela.

Una giornata che ha il ritmo rilassante dei tempi andati. Per guesto, abbiamo voluto abbinare alle foto pensieri, ricette e illustrazioni tratti dal libro Profumo di casa (Pratiche Editrice) di Laura Grimaldi. Che è una celebre «giallista», ma guesta volta ha voluto riordinare e pubblicare gli appunti della nonna toscana sulla vita domestica. «Amo la casa, ricevere gli amici», spiega la scrittrice, «e in molte cose ho trovato mia nonna sorprendentemente moderna». Per riscoprire il gusto dell’ospitalità, vi offriamo gui idee e suggerimenti per vivere, momento per momento, una giornata davvero speciale.

lunedì, maggio 13th, 2013 | Author:

ARISTOCRATICHE IN GIARDINO.

Ho un giardino che tutti dicono bellissimo. Ma non sono soddisfatta delle mie rose. Con quali varietà potrei arricchire il roseto? Franca D., Padova Che ne diresti, questa primavera, di ospitare le figlie di un reverendo inglese? 11 suggerimento è di Antonella Fornai, presidente del Giardino Romano, un’associazione che riunisce gli appassionati del verde. Antonella propone di arricchire il giardino (o anche la terrazza, se si usano vasi profondi e capienti) con le rose che il reverendo Pemherton ibridò ai primi del Novecento e che battezzò con il nome delle sue tante figlie: ecco allora la rosa Penelope (bianca), la Felicia (rosa pallido), la Cornelia (rosa corallo con fiori a mazzetti), la Danae (giallo crema) e la Vanity (rosa intenso).

mercoledì, novembre 28th, 2012 | Author:

SCHEDA TECNICA.

Le dimensioni medie: 30/40 cm di altezza per la setosa e anche un metro per la oppenheimiana; larghezza secondo il numero dei fusti. Il vaso: in plastica con drenaggio incorporato o in terracotta con ghiaia espansa nel sottovaso.
L’esposizione: tanta luce indiretta, lontano da correnti d’aria e caloriferi.
L’irrigazione: sempre sufficiente a mantenere la terra appena umida e con acqua lasciata depositare per una notte. Frequenti nebulizzazioni sulle foglie. Bene un umidificatore ambientale.

lunedì, novembre 26th, 2012 | Author:

Da arredo: Ctenanthe.
Il nome, quasi impronunciabile, di questa diffusissima pianta deriva dall’abbinamento di due parole greche: ktenos (pettine) e anthos (fiore), che suggerisce due possibili interpretazioni: da un lato sembra alludere al «pettine» di brattee che circondano la rara infiorescenza della Ctenanthe, dall’altro potrebbe riferirsi ai disegno delle variegature sulle foglie. Ma i dubbi sul nome di questa splendida chioma verde non sono finiti. Molti, infatti, e a volte sono gli stessi esperti, hanno l’abitudine di chiamarla Maranta: una sorte che, per ragioni di similitudine, tocca spesso anche alla Ca-lathea, ma è bene specificare che la Maranta, la Calathea e la nostra Ctenanthe sono tre piante diverse, sia dal punto di vista botanico sia da quello ornamentale delle dimensioni e dei colori.
Simili sono invece le origini che riportano alle foreste tropicali dell’America meridionale, dove questo gioiello dall’accrescimento a fontana si sviluppa in circa venti specie diverse, che si riducono, purtroppo, a non più di cinque, nelle nostre serre. Il consiglio comunque è di scegliere tra le varietà più robuste come la oppenheimiana e la setosa (nella foto); quest’ultima aggiunge un tocco «vellutato» al già elegante contributo decorativo.

• A quale ambiente si adatta: è ideale come pianta base in un gruppo verde di alta statura, o anche isolata su una scrivania. Meglio se in saloni dall’arredamento classico o comunque non dai colori chiari. Non metterla mai in cucina o nella zona notte.
• È una pianta annuale dall’incredibile fioritura e dal portamento compatto e ricco. Oggi è disponibile in sette colorì diversi (blu, lilla, viola, viola scuro, rosso, rosa e bianco) che permettono, tra l’altro, allegre composizioni «arcobaleno».
Le infiorescenze si radunano in boccioli di ben otto elementi l’uno ed emergono da una fitta chioma di foglie dalla romantica forma a cuore, leggermente seghettata sul bordo.
È impensabile poter coltivarla per più di un anno e, per evitare inutili sforzi, si consiglia di eliminarla al termine della fioritura quando le foglie iniziano a ingiallire. Il suo prezzo comunque è molto contenuto e il suo potere decorativo (quasi nove mesi di fioritura) è nettamente superiore a quello di un mazzo di fiori. E un regalo vivace in questa stagione, ancora poco colorata.

Si consiglia.
La fioritura è più intensa se viene collocata in un luogo molto luminoso e se viene bagnata ogni due giorni (mai la terra secca!). Non sopporta temperature inferiori ai I5°C e le correnti d’aria possono causare l’attacco dei parassiti. Ogni due mesi somministrare fertilizzante liquido. Nell’acquistarla controllare che la terra sia ben bagnata: la terra secca, con gli scossoni del trasporto, impn-giona le radici e le rompe.

sabato, ottobre 06th, 2012 | Author:

Recuperi di tradizione.
La ristrutturazione di una casa con cantine e giardino offre lo spunto per andare alla ricerca di materiali e forme tipiche in una particolare zona della Liguria.

Una miniera in giardino.
La ristrutturazione di questa casa di campagna (nei pressi di Finale Ligure) è iniziata dai muri in pietra. Le parti mancanti sono state integrate con materiale reperito nel giardino che in questo caso si è rivelato una vera e propria miniera. Smuovendo la terra e ripulendo la zona circostante l’abitazione, sono emersi sassi, vecchi coppi, mattoni pieni, lastre di ardesia, pietra rosa del Fina-lese e vecchie macine di frantoio, «preziosi» per il lavoro di recupero. Il consolidamento delle fughe tra i conci è stato risolto risanando le vecchie malte con un prodotto specifico come quelli della linea Mape-Antique dì Mapei. La prerogativa di questi leganti è la compatibilità con i materiali del passato e la capacità di favorire l’evaporazione dell’acqua in modo da ridurre l’umidità presente all’interno della parete.

domenica, ottobre 23rd, 2011 | Author:

Qui sopra, uno scorcio di questo giardino, chiuso su due lati dalla casa stessa: tutta la zona giorno, che era un tempo un loggiato, vi si affaccia con ampie vetrate.

domenica, luglio 17th, 2011 | Author:

MANIFESTAZIONI DEL MESE.
• A Pavia l’Associazione Gli Amici dell’Orto botanico dell’Università di Pavia organizza sabato 18 e domenica 19 aprile, nel chiostro dell’orto botanico, Un vaso, un balcone… con allestimenti di balconi e terrazzi fioriti curati da vivaisti e progettisti del verde.
• A Novegro (Mi) nel Parco Esposizioni dal 24 al 26 aprile si svolge Garden & Country, tutto per il giardino e il terrazzo: dai mobili -quelli d’antiquariato compresi – alle piante da collezione, dai tessuti ai complementi. E, fra le iniziative collaterali, laboratori a disposizione dei visitatori per avvicinarsi all’arte dello stencil, del decoupage e della decorazione floreale.
• A Colorno (Pr) nel parco ducale della reggia farnesiana è di scena, dal 24 al 26 aprile, Nel Segno del Giglio, mostra nazionale del giardinaggio di qualità alla sua quinta edizione. È un’occasione unica per ammirare le creazioni dei maggiori produttori e giardinieri italiani.

sabato, luglio 16th, 2011 | Author:

Per un orto biologico.
• Sembrerà ovvio ma bisogna cominciare dal seme. L’olandese Blumen offre tutta una se rie di sementi ottenute unicamente con processi produttivi biologici ovvero, per esempio, usando tecniche agricole che sfruttano la naturale fertilità del terreno ed escludendo l’impiego di fertilizzanti e pesticidi chimici o di sintesi (queste regole valgono poi anche per la fase successiva della coltivazione dell’orto). La scelta di sementi biologiche Blumen comprende 36 qualità di ortaggi ed erbe aromatiche (dalle carote al basilico), più melone e anguria, in vendita a la bustina.

venerdì, luglio 15th, 2011 | Author:

UN’ORTENSIA IN DIFESA DEI BAMBINI.
Telefono Azzurro, che da dieci anni è al servizio dei bambini maltrattati registra più di 10.000 tentativi di chiamata al giorno, promuove una campagna di sensibilizzazione verso i problemi dei più piccoli e di raccolta di fondi per poter fare sempre di più. Ecco allora che sabato 25 e domenica 26 aprile i volontari di Telefono Azzurro offriranno, in oltre mille piazze italiane, ortensie azzurre il cui ricavato andrà a favore dell’associazione. Per informazioni sulle piazze in cui si svolgerà la manifestazione, dal 18 al 26 aprile.

giovedì, luglio 14th, 2011 | Author:

Dopo il giardinaggio.
Il giardinaggio è un gran bel passatempo però non si può certo dire che faccia bene alia pelle di mani e viso. Proprio per abbinare la cura della terra a quella del corpo, la Crabtree & Evelyn presenta Gardeners, una linea di prodotti per la cura delle mani e del corpo che si basa sulle proprietà terapeutiche delle erbe di chiara matrice contadina. Un sapiente mix di ingredienti naturali e di estratti botanici, dal rosmarino alla calendula, dal trifoglio alla lavanda, aiuta a proteggere la pelle dalle punture degli insetti, dall’eccessiva esposizione al sole, dal contatto con la terra.