giovedì, agosto 22nd, 2013 | Author:

IL caffe in italia

Il caffè.

Perché conservi l’aroma ed il colore, e perché mantenga le sue qualità rinvigorenti, il caffè dev’essere infuso o bollito.
Il peggior modo di preparare il caffè è il farlo colle macchinette che si trovano a dovizia in commercio. Esse non seguono il sistema né dell’infusione né dell’ebullizione. La macchinetta cha sappia ottenere vantaggi d’ambo i sistemi aspetta ancora il suo inventore, e fra i tanti sistemi adottati, a parer mio, il migliore è ancora quello casalingo comune, cioè della cuccuma.

È molto importante, per un buon ottenimento di qualità, che il caffè sia tostato di fresco, polverizzato e subito bollito, ovvero, dopo averlo polverizzato, tenerlo ben chiuso e compresso in qualche vaso ben levigato ed ancor meglio chiuso, ma mai per più d’un paio di giornate.
Bisogna che il caffè sia ben inzuccherato. L’azione dello zucchero sullo stomaco, in fin dei pasti, è assai buona. S’intende ch’è necessario far uso temperato di questa buona bevanda, che altrimenti produce insonnia.

Se s’ha furia, per far calare più presto i fondi ed illimpidire il caffè in meri che non si dica, è conveniente versare nella cuccuma fumante, appena tolta dal fuoco, una cucchiaiata d’acqua fredda.

Categoría: Accessori cucina
You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 feed. You can leave a response, or trackback from your own site.
Lascia un commento » Log in