mercoledì, luglio 25th, 2012 | Author:

IL PILASTRO AL CENTRO di un ampio ingresso (cm 340×400) può essere semplicemente mimetizzato, oppure diventare il fulcro di un mobile multifunzione adibito a guardaroba e, verso la zona notte, a ripostiglio e scarpiera.

NO:
1 I vari elementi d’arredo (divanetto, armadio guardaroba ecc.) sono collocati in maniera piuttosto casuale lungo le pareti dell’ampio ingresso. Questa disposizione lascia molto spazio inutilizzato attorno al pilastro.
2 L’idea di mimetizzare il pilastro con le piante è buona ma improponibile in questo caso per la mancanza di luce naturale.
3 E decisamente inappropriato lasciare che la porta del bagno si apra direttamente sull’ingresso.
4 La cassapanca di pregio non è ben visibile e, in più, intralcia il passaggio.

SI:
1 Il pilastro è l’elemento portante al quale agganciare una console utile per il telefono e per poter avere sempre a portata di mano la matita, il blocco per gli appunti, le chiavi di casa.
2 Un pannello scorrevole in legno chiude la visuale verso la porta del bagno.
3 Attorno al pilastro viene costruito un mobile guardaroba con scarpiera e ripostiglio. Questo elemento crea un disimpegno alla zona notte.
4 La porta a doppio battente, che separava l’ingresso dal soggiorno, viene eliminata perché inutile. L’anticamera acquista così maggior fluidità e la cassapanca il giusto rilievo.

Categoría: Senza categoria
You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 feed. You can leave a response, or trackback from your own site.
Lascia un commento » Log in